Il calcio è semplice! Noi però amiamo complicarci la vita da soli

Vorrei scrivere un mucchio di cose dopo la sconfitta a Lione, ma ci sono così tante questioni aperte e irrisolte che non saprei nemmeno da dove cominciare. Mi ci vorrebbe un giornale intero, un articolo per pagina.
Voglio pertanto fare una cosa nuova. Limitarmi alle domande. E per quanto riguarda le risposte, mi arrendo! Non ho più alcuna voglia di stare a cercarle.

Prima domanda. Perché insistere ancora con Pjanic davanti la difesa, reduce per giunta da un infortunio? Inguardabile da mesi, è il grande equivoco tattico della squadra. Non è un regista, non è un mediano, sa soltanto quello che non è. Equivoco che ci portiamo avanti dall’autunno del 2017, quando Allegri decise di abbandonare il 4231 per passare al 433. Tutte le contraddizioni sono nate in quel momento. Due anni e mezzo che parliamo di questo centrocampo senza capo né coda.

Seconda domanda. Il 433 va bene se i due esterni aiutano nella fase difensiva, se per Cristiano e Dybala devi passare a un 442 in fase di non possesso costringendo Rabiot a correre a vuoto sulla fascia, allora mi domando, che senso ha? Perché proporre una soluzione illogica?
Piuttosto è meglio schierare Matuidi o Bernardeschi, che almeno sul piano della corsa non faticherebbero sull’esterno. Questo è stato il grande disastro tattico di ieri sera.
Vuoi fare il 442? Fai il 442!

Terza domanda. Anche oggi, per l’ennesima volta, sento i soliti discorsi: alcuni giocatori non seguono il mister. Allora mi domando, se è tutto vero, la società che sta combinando? Dov’è? Perché non alza la voce?
D’altro canto, Sarri è un pazzo a schierare dei giocatori che gli remano contro? Visto il personaggio mi risulta difficile crederci. Se devo farmi esonerare, lo faccio con i miei uomini.
Quindi, qual è la verità?
Se queste storie sono vere, allora è vergognoso. Società, allenatore e calciatori. Siamo la Juve!
Se non sono vere, paradossalmente potrebbe essere pure peggio. Perché vuol dire che non ne usciamo, non c’è soluzione.

Quarta domanda. Con il rientro di Chiellini cosa succederà?
Sarri ha escluso più volte l’utilizzo della difesa a 3 (lo sanno anche i muri). È uno dei tanti dogmi. Finora, però, li ha praticamente rinnegati tutti, confermando peraltro in conferenza stampa quanto si stia adattando a certe situazioni (vedi parole su Dybala).
Questo mi fa pensare che nelle prossime uscite possiamo aspettarci di tutto. Tanto ormai…
Difficile cambiare a marzo ma… Primo, questo pseudo 433 asimmetrico non sta funzionando. Secondo, il 352/3421 è praticamente l’unico sistema in cui tutti i giocatori sono al loro posto. Terzo, il centrocampo è sempre in difficoltà: un modo per aiutarlo è creare una linea a 5 a metà campo e sfruttare la superiorità numerica. Fine. Senza inventare niente! Sì, il calcio è semplice!

Ultima domanda. Un aspetto che riassume tutto quanto. Come diavolo è possibile che a marzo non sappiamo ancora come giocare?
Errori iniziali: puntare su due rottami come Khedira e Douglas Costa.
Errori successivi: non prendere una decisione definitiva sul modulo. Sono mesi che ne parliamo. Mesi!
Errori recenti: continuare imperterriti con giocatori fuori ruolo o fuori condizione.

Ora serve personalità! In primis, da parte di Sarri, che a oggi sembra l’ombra di se stesso. Irriconoscibile.
Ribadisco il concetto a mio avviso più importante: se un allenatore (come dicono) è vicino all’esonero, va avanti con i suoi uomini! Senza paura, con PERSONALITÀ.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...