“Quando un giocatore si diverte rende il doppio, ed è uno spettacolo meraviglioso…”

Alcune frasi di Sarri rilasciate durante un paio di interviste: “Mi occupavo per Montepaschi di transazioni fra grandi istituti. Ho lavorato a Londra, in Germania, Svizzera e Lussemburgo. Poi ho scelto come unico mestiere quello che avrei fatto gratis. Ho giocato, alleno da una vita, non sono qui per caso. Mi chiamano ancora l’ex impiegato. … Leggi tutto “Quando un giocatore si diverte rende il doppio, ed è uno spettacolo meraviglioso…”

L’addio a Pavel di Alex Del Piero

È stato un giorno speciale. La stagione si è conclusa con una bella vittoria contro la Lazio, che ci ha permesso di raggiungere l’obbiettivo che volevamo in questo finale di stagione, ovvero il secondo posto.È stato importante chiudere il campionato con due vittorie, e soprattutto lo è stato tornare a vincere di fronte al nostro … Leggi tutto L’addio a Pavel di Alex Del Piero

“Del Piero è l’unico per cui avrei fatto follie!”

Dopo una sfida di Champions fra il Manchester e la Juventus in cui aveva fatto ammattire mezza difesa, Ryan Giggs e Gary Neville vennero da me e mi chiesero di acquistarlo a tutti i costi, perché uno così ci avrebbe fatto vincere tutto per decenni. Contattai la dirigenza bianconera e l’agente del ragazzo. Rifiutò ancor … Leggi tutto “Del Piero è l’unico per cui avrei fatto follie!”

Esiste un calcio prima di Johan Cruijff e un calcio dopo Johan Cruijff…

Il campione olandese ha le stimmate della rivoluzione. L’Olanda e l’Ajax degli anni ’70 inventano dal nulla un calcio che non c’era. Ne fanno un altro sport. Le sacre regole del pallone vengono violate. Un sacrilegio. Non più fissità e interpretazioni rigide del ruolo ma movimento, cambi di posizione e occupazione dello spazio. Il dinamismo … Leggi tutto Esiste un calcio prima di Johan Cruijff e un calcio dopo Johan Cruijff…

«Quando abbiamo un pallone tra i piedi, noi calciatori siamo felicissimi. Quello che succede dietro, nel retropalco…»

Breve estratto di una vecchia intervista a Paulo Dybala, su Vanity Fair. Chi diventa davvero un calciatore, quando arriva al suo livello?«Il più delle volte un uomo molto solo. Come le dicevo prima, le cose negative che ti accadono restano. E lasciano un segno. Per questo sono diffidente e per questo mi riesce difficile credere … Leggi tutto «Quando abbiamo un pallone tra i piedi, noi calciatori siamo felicissimi. Quello che succede dietro, nel retropalco…»

«Quando indosso i colori bianconeri sento delle sensazioni positive, mi dà la carica e sento di voler sempre difendere questa squadra»

«La Juventus mi ha ridato la voglia di giocare a calcio. La cosa migliore per un giocatore: tornare a essere felice!» Carlos Tévez, uno dei calciatori che più ho amato, sia da giocatore della Juve che da avversario. «Carlitos è uno che non ti tradisce mai e ha nel suo bagaglio i numeri per sbloccare … Leggi tutto «Quando indosso i colori bianconeri sento delle sensazioni positive, mi dà la carica e sento di voler sempre difendere questa squadra»

«Perché il calcio olandese riesce a essere antropologicamente avanti, sempre avanti?»

Calciomercato L’Originale. Bonan domanda a Bucciantini. «Sì, è libero. È libero come è libera la città, come è libera Amsterdam, che per tanti di noi è diventata a un certo punto un sogno, di un viaggio diverso, più largo, in tutti i sensi. È libero perché non è rimasto vittima della vittoria, ma della costruzione». … Leggi tutto «Perché il calcio olandese riesce a essere antropologicamente avanti, sempre avanti?»

«Il calcio è un gioco davvero meraviglioso, Austin, e deve essere giocato meravigliosamente!»

Il maledetto United - Breve trama del film "Dopo la mancata qualificazione ai Mondiali del 1974, l'allenatore della nazionale inglese Alf Ramsey viene licenziato e sostituito con l'allenatore Don Revie, che lascia vuota la panchina del Leeds dopo anni di successi.Al posto di Revie viene ingaggiato Brian Clough, ex calciatore di Middlesbrough e Sunderland ed … Leggi tutto «Il calcio è un gioco davvero meraviglioso, Austin, e deve essere giocato meravigliosamente!»